Sei Qui: Home - Il comune -

- Torna indietro

PORTA UNICA DI ACCESSO (P. U. A.)

La Legge Regionale 11/2007 (art. 41) stabilisce che la Porta Unica di Accesso (PUA) è una funzione necessaria che deve essere esercitata sia dal Segretariato Sociale sia dai Distretti Sanitari con compiti di informazione, decodifica dei bisogni, orientamento e trasmissione delle richieste dei cittadini ai servizi competenti. Si tratta di un ruolo strategico per la presa in carico, globale e integrata, della persona portatrice di bisogni complessi. Per presa in carico si intende "il processo integrato e continuativo che si configura come governo di un insieme articolato e coordinato di interventi rivolti a soddisfare un bisogno complesso ed articolato". La PUA, in sostanza, "deve rappresentare per il cittadino un luogo privilegiato di informazione ed orientamento verso i servizi sociali e/o sanitari, che fornisca risposte immediate ai bisogni semplici o attivi servizi di valutazione competenti per i bisogni di natura complessa. 

Le funzioni fondamentali della PUA sono:  

a)      Accoglienza, informazione e orientamento, ossia:

1)      accoglienza dell_utenza;

2)      ascolto attivo dei bisogni dei cittadini;

3)      prima lettura del bisogno espresso;

4)      informazione e orientamento rispetto ad opportunità, prestazioni e, in generale, sul sistema dei servizi esistenti ed accessibili; 

b)      Accompagnamento: consiste "nell_ndirizzare attivamente l_utente verso le strutture erogatrici di servizi (diversi da quelli forniti dalla P.U.A.), attraverso, ad esempio, la definizione di appuntamenti o nell_attivare servizi ed équipe professionali (come U.V.I. o l_U.V.M.), preposti alla valutazione di secondo livello nel caso di bisogno complesso"; 

c)      Risoluzione di problemi semplici, "che si esplica con l_erogazione immediata, o comunque tempestiva, di risposte adeguate a bisogni semplici (come l_accesso a prestazioni assistenziali che richiedono la sola compilazione e presentazione di una modulistica con allegato l_ISEE che escludano la valutazione di tipo multidimensionale"; 

d)     Attivazione dell_UVI e avvio del processo di presa in carico: "la PUA, che si configura come lo snodo funzionale di indirizzo del cittadino verso il servizio competente per la presa in carico, costituisce il momento di segnalazione di un bisogno che può richiedere una valutazione multidimensionale in specifica equipe"; 

e)      Osservatorio, "che si esplica con l_attività di monitoraggio sull_attività svolta attraverso la raccolta e l_analisi di dati sulla domanda e sull_offerta di servizi (mappatura) al fine di migliorare la qualità del servizio offerto, tenendo conto anche di reclami e suggerimenti dell_utenza".

Dal punto di vista organizzativo la PUA si articola su due livelli: 

  • "il primo, di tipo operativo e rivolto al cittadino, viene svolto dai Punti di Accesso che si occupano di attività di accoglienza, informazione, orientamento, accompagnamento, decodifica del bisogno con risposta di primo livello e inoltro ai servizi interni al sistema sociale e sanitario competenti per l_evasione di domande complesse"; 
  • "il secondo, di tipo gestionale, garantito esclusivamente dalla Funzione di Coordinamento, sovrintende alle attività di raccordo tra i livelli istituzionali di riferimento (ASL/Ambito Territoriale), di indirizzo, di programmazione, di gestione delle risorse e di monitoraggio e di valutazione della quantità/qualità dei servizi erogati, attraverso la convergenza dei flussi informativi".
   
   
Comune di Teano, Piazza Municipio - Tel. 0823 875080 - Fax 0823 875081 - Partita Iva: 00940160617 C.F.: 80005990611