Sei Qui: Home - Il comune - Linee programmatiche
LINEE PROGRAMMATICHE

- Torna indietro

Istruzione

CRESCERE, STUDIARE, FORMARE”. Progetto "La scuola: la mia casa" 

1.        Presenza dellAmministrazione comunale: il Sindaco, con l’Assessore delegato, visita periodicamente   le scuole del territorio.

2.        Edilizia scolastica: serie di interventi strutturali e impiantistici, da realizzarsi durante lintera consiliatura, finalizzati a rendere disponibili edifici sicuri, salubri, efficienti energeticamente e accoglienti. Istituzione del fascicolo di sicurezza per ciascun edificio scolastico.

3.        Completamento del polo scolastico (scuole medie) alle pendici della collina di S. Antonio. Intervento prioritario nellutilizzazione delle risorse economiche disponibili o acquisibili.        

4.        Strutture per lo svolgimento delle attività sportive e culturali:  rifunzionalizzare le strutture sportive esistenti comunali assegnandole alla prioritaria fruizione delle istituzioni scolastiche del territorio.

5.        Estensione del comprensorio sportivo di S. Antonio, integrandolo con il progetto di riqualificazione dell’intera zona collinare già in possesso dell’Amministrazione. Ciò è realizzabile attraverso una preliminare progettazione urbanistica (PUA) dell’intero ambito territoriale da destinare alla fruizione pubblica.

6.        Studio di fattibilità, tecnico ed economico-finanziario, finalizzato alla realizzazione di una piscina con lo strumento del project financing. Quest’attrezzatura sportiva dovrebbe essere integrata in un unico volume con altri luoghi destinati all’aggregazione (bowling, bar, ristorante, …).

7.        Trasporto scolastico: protocollo dintesa promosso dal Comune con cui le istituzioni scolastiche, gli enti pubblici, le società di trasporto pubblico e privato operanti sul territorio provinciale, interagiscono per rendere funzionale lorganizzazione dei trasporti alla fruizione dei servizi educativi (articolazione dellorario delle lezioni, orari delle corse dei mezzi pubblici, servizio di navetta con la stazione ferroviaria, taxi collettivi per gli utenti delle frazioni, scuolabus per gli utenti svantaggiati, pedibus). Rendere efficiente, sicuro e accogliente il trasporto (scuolabus) per i piccoli utenti della scuola dellinfanzia e primaria.

8.        Refezione scolastica: riorganizzare il servizio di refezione scolastica, attualmente esistente solo per la scuola dellinfanzia, puntando sulla qualità e la rintracciabilità dei cibi (singoli ingredienti, origine, scadenza). Sono da privilegiare i cibi biologici (soprattutto laddove già previsto per legge), lappetibilità (riducendo le distanze tra cucina e scuola) e una equilibrata distribuzione degli alimenti in funzione dellapporto nutrizionale. Se si impongono problemi di costo, potrebbe essere considerata come soluzione lidea del piatto unico a favore della qualità garantita.

9.        Promuovere la stipula di un protocollo d’intesa tra Comune, Provincia, Istituzioni scolastiche, Camera di Commercio, Associazioni degli imprenditori e dei professionisti, con cui progettare ed intraprendere azioni rivolte ad avvicinare il mondo del lavoro a quella della scuola.

10.    Sportello utenza: creare uno sportello aperto al personale docente e non, ai genitori degli alunni e a chiunque abbia proposte, osservazioni, richieste da rivolgere allAmministrazione, così da favorire la partecipazione attiva alla vita scolastica.

11.    Rapporto scuola/istituzioni: promuovere la sottoscrizione di un "Patto per la scuola e il cittadino" con cui il Comune, le istituzioni scolastiche del territorio e lutenza collaborano in sinergia per migliorare ed efficientare le risorse a disposizione.

12.    Cooperare con le istituzioni scolastiche implementando progetti educativi rivolti non solo ai giovani studenti ma anche a tutti i cittadini interessati.

13.    Promuovere la creazione di un corso di specializzazione, in collaborazione con le Università e la Soprintendenza, dedicato al recupero del patrimonio edilizio esistente nei centri storici e al progetto di piani attuativi destinati alla rifunzionalizzazione abitativa e commerciale, economicamente sostenibile, dei centri storici. Ad esso è possibile affiancare corsi di formazione per professionisti e amministratori pubblici, organizzati in collaborazione con il Comitato Unitario delle Professioni (CUP) provinciale.

14.    Promuovere progetti educativi e didattici riguardanti Teano, la sua storia, le sue tradizioni, il suo territorio e la sua comunità finalizzati a consolidare il senso di appartenenza, ad aumentare la conoscenza delle proprie radici e della propria storia, a migliorare il rispetto verso le proprie risorse territoriali, a permettere una migliore integrazione sociale delle nascenti comunità straniere.

15.    Promuovere progetti educativi e didattici riguardanti luso consapevole del territorio e delle sue risorse, il rispetto dellambiente e del paesaggio, luso dei beni, e non il consumo, attento e responsabile.

16.    Recuperare le professionalità artigiane con attività formative svolte da pensionati artigiani in collaborazione con le istituzioni scolastiche.

17.    Promuovere iniziative di alfabetizzazione informatica e di lingua per la fasce sociali più svantaggiate.

18.    Collaborare con le istituzioni scolastiche nella programmazione di progetti formativi o concorsi anche di livello nazionale, col patrocinio del comune e dei comuni limitrofi, che avrebbero riflessi anche sulla vitalità sociale e d economica della città attirando partecipanti dallesterno del territorio.

 

   
   
Comune di Teano, Piazza Municipio - Tel. 0823 875080 - Fax 0823 875081 - Partita Iva: 00940160617 C.F.: 80005990611